<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=150415092460129&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Visione

Offerta

Scenari

Tecnologie di Frontiera

Ruoli

Tilt

7 tecnologie per il training aziendale

7 tecnologie per il training aziendale

In un contesto competitivo sempre più complesso, all'interno del quale conoscenza e strumenti, grazie alle nuove tecnologie, sono ormai alla portata di tutti, ciò che fa davvero la differenza in un business di successo sono le competenze. Non basta però svilupparle una tantum e vivere di rendita. La continua evoluzione degli scenari, l'ibridazione dei settori, la flessibilità richiesta nell'immaginare e costruire progetti sempre più interdisciplinari implicano processi di apprendimento continui. Per questo le organizzazioni che puntano davvero all'innovazione hanno oggi il dovere di offrire ai propri collaboratori programmi di formazione continua. Non si tratta solo di cultura del management: dalla forza commerciale alle risorse impiegate nelle catene di montaggio, un approccio consapevole ai propri compiti e al corretto utilizzo dei nuovi strumenti a disposizione rappresenta una premessa indispensabile per la generazione di nuovo valore a tutti i livelli dell'organizzazione.

Per imparare a usare le nuove tecnologie con tutto il loro potenziale non c'è niente di meglio che familiarizzare con loro, soprattutto perché offrono sistemi intuitivi di apprendimento, abbattendo barriere geografiche e funzionali.

Ecco 7 soluzioni, dalle più tradizionali alle più innovative, che possono fare davvero la differenza in un processo di formazione continua.


1. Lavagne interattive digitali

Dal punto di vista funzionale, le lavagne interattive digitali hanno sostituito la classica tavola a pennarelli, ma si tratta di un balzo evolutivo che offre molte nuove prerogative: i dispositivi di ultima generazione offrono touch screen ad alta definizione e sono l'ideale per proiettare presentazioni, condividere documenti, aggiungere a un corso di formazione quel tocco di entertainment che non guasta mai, soprattutto per mantenere viva l'attenzione. Dotate di connessioni Wi-Fi, le lavagne interattive digitali consentono agli utenti di collegarsi al device e al network in cui è inserito sia per scaricare i contenuti della lezione, sia per caricare i propri elaborati. I dispositivi sono infine l'ideale per simulare riunioni o brain storming per lo sviluppo di progetti.


2. Sistemi di teleconferenza

Sono sempre più frequenti le sessioni di formazione a distanza. La loro diffusione si deve sia alla necessità di contenere i costi delle trasferte, sia all'opportunità di somministrare in maniera più efficace i contenuti, a prescindere da dove si trovino i partecipanti. Lo sviluppo dei nuovi sistemi di teleconferenza consente infatti un “effetto presenza” sbalorditivo, che in certi casi eguaglia o addirittura supera l'esperienza fisica. Le piattaforme sono dotate di sistemi di riconoscimento dei partecipanti che abilitano una regia intelligente, capace di cioè di riconoscere e inquadrare le persone che parlano, evidenziando i contenuti man mano che vengono proiettati e redigendo verbali delle interazioni che possono essere utilizzati come materiali per le lezioni successive.

 

3. Piattaforme di social business

Parlando di formazione continua, il modo migliore di restare costantemente aggiornati è la partecipazione alle conversazioni che si tengono sui social network aziendali. Si tratta di strumenti molto più efficaci delle semplici Intranet e consentono interazioni su specifici topic, a cui partecipano liberamente non solo formatori di professione, ma anche e soprattutto colleghi senior che possono condividere esperienze e suggerimenti, oltre che naturalmente contenuti e progetti. Il tutto garantendo la massima riservatezza e protezione dei dati.

 

4. Programmi di gamification

Più che un vero e proprio strumento tecnologico al servizio della formazione, si tratta di un approccio, un metodo. Rendere gradevole la somministrazione dei contenuti attraverso giochi, quiz e contest significa motivare e stimolare i partecipanti, aiutandoli ad assimilare meglio i concetti. Dalle classi di formazione tradizionali in aula ai corsi in streaming o in teleconferenza fino alle sessioni attivate sui social network, i programmi di gamification aumentano il grado di interazione e apprendimento.

 

5. Wearable

Notifiche, alert, aggiornamenti, indicazioni sul dove e quando seguire le lezioni. Ma anche suggerimenti pratici per svolgere – pensiamo per esempio in catena di montaggio – un'operazione complessa. Per visualizzare tutte queste informazioni esistono già gli smartphone, è vero, ma la comodità di avere le mani libere mentre si mette subito in pratica quel che si apprende è impareggiabile.

 

6. Assistente virtuale

I bot ci stanno cambiando la vita. Ci aiutano a cercare informazioni, luoghi, servizi e ad accedere al mondo fisico (oltre che a quello virtuale) con una semplicità impensabile fino a pochi anni fa. Anche nella formazione, gli assistenti virtuali possono fare la differenza: somministrando contenuti e suggerimenti in base ai progressi fatti dal discente e proponendo, grazie all'intelligenza artificiale che li alimenta, esperienze ed esercizi che integrino la teoria con la pratica.

 

7. Realtà aumentata

Forse è ancora un po' presto per immaginare corsi di formazione erogati tramite visori di realtà virtuale e aumentata, ma l'applicazione di queste tecnologie al mondo dell'apprendimento è quanto meno suggestiva. Le domande possono trovare risposta prima ancora di essere formulate, grazie a informazioni pop-up e video tutorial che si attivano mentre il discente interagisce con il docente, i contenuti della lezione o il mondo fisico.

 

New Call-to-action

Iscriviti al Blog