<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=150415092460129&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Visione

Offerta

Scenari

Tecnologie di Frontiera

Ruoli

Tilt

Blockchain e assicurazioni, come fare felici clienti e aziende

Blockchain e assicurazioni, come fare felici clienti e aziende

Come può il matrimonio tra blockchain e assicurazioni rendere felici sia i clienti sia le aziende? Da una parte c'è l'aspettativa che, in caso di sinistri, i rimborsi arrivino rapidamente e che siano congrui al danno subito. Dall'altra c'è la necessità di ottimizzare i costi delle pratiche di erogazione del refund e, soprattutto, di evitare le frodi.I punti d’incontro di queste due istanze sono trasparenza e univocità nelle operazioni. E c'è un solo strumento in grado di garantirle entrambe contemporaneamente: la Blockchain. È per questo motivo che il mondo delle assicurazioni, al pari del Finance, è così interessato allo sviluppo delle soluzioni basate su DLT (Distributed Ledger Technology). La tecnologia su cui si sono innestate le monete virtuali, a partire dal Bitcoin, è ancora al vaglio per la messa in produzione di casi d'uso declinati su vasta scala, ma le sue potenzialità per gli operatori dell'Insurance sono evidenti. Tant'è vero che le applicazioni più interessanti tra quelle che si sono evolute dallo stadio di Proof of Concept arrivano proprio da startup – un nome per tutti: Everledger – che sfruttano la Blockchain per dare vita a registri condivisi e inalterabili su cui viene impressa la storia delle transazioni di oggetti di valore. Per capire che parliamo di un ambito in cui non si scherza, è sufficiente sottolineare il fatto che il colosso dei diamanti De Beers stia puntando con la piattaforma Tracr proprio sulla DLT per costruire sistemi di tracciabilità e controllo di nuova concezione.

 

Blockchain e assicurazioni: come evitaer Il rischio di disintermediazione 

Le grandi compagnie assicurative sono consapevoli che, allo stato attuale, i rischi di disintermediazione sono altissimi. E non dipendono soltanto dalle startup Insurtech: se i produttori di oggetti di lusso – ma non solo – e i fornitori di servizi a valore aggiunto riescono a offrire ai propri clienti, contestualmente alla vendita, certificati di garanzia digitali, tanto semplici quanto efficaci, persino i consumatori più esigenti cominceranno presto a non sentire più il bisogno di rivolgersi a un intermediario, per quanto affidabile e specializzato. Dalla loro, le assicurazioni hanno il vantaggio di conoscere approfonditamente clienti e mercato, di aver sviluppato competenze e massa critica (soprattutto dati!) sufficienti a predisporre proposizioni integrate, personalizzate, dinamiche e multilivello. Un aspetto che può risultare vincente nei confronti di chi è alla ricerca di pacchetti all-inclusive che, però, non sacrifichino l'attenzione alle proprie esigenze peculiari in nome della semplificazione e della standardizzazione. Anche sotto questo profilo, la Blockchain si configura come la soluzione ideale.

 

Come la blockchain nelle assicurazioni abbatte i prezzi

 Non si tratta comunque solo di quote di mercato, ma anche di conto economico, con precise ricadute sulle finanze dei clienti. Secondo la società di ricerca CBS Insights, che cita dati provenienti dall'FBI, negli Stati Uniti ogni anno le frodi assicurative costano agli operatori del settore circa 40 miliardi di dollari. Un macigno che pesa inevitabilmente sui prezzi finali delle polizze: ogni famiglia subisce infatti rincari riconducibili ai costi delle frodi che vanno dai 400 ai 700 dollari annui. Grazie al meccanismo che ne contraddistingue il funzionamento, la Blockchain rende, di fatto, impossibile l'alterazione degli eventi registrati sul ledger. E, quand'anche accadesse una transazione anomala, l'intero sistema ne sarebbe immediatamente al corrente. Applicando dunque opportuni strumenti analitici, diventa possibile rilevare le azioni malevole o i tentativi di truffa ai danni dei clienti e delle stesse società, prima ancora che possano sortire effetti indesiderati. L'estrema personalizzazione dei servizi collegati alle polizze, infine, permette di misurare i premi in funzione della reale condotta degli assicurati, garantendo risparmi sia per le assicurazioni sia soprattutto per l'utente finale.cta_i_5_passi_per_generare_valore_grazie_all'ai

 

Iscriviti al Blog