<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=150415092460129&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Visione

Offerta

Scenari

Tecnologie di Frontiera

Ruoli

Tilt

Cinque modi in cui l’Intelligenza Artificiale sta trasformando il Finance

Cinque modi in cui l’Intelligenza Artificiale sta trasformando il Finance

Il settore del Finance è tra quelli che stanno attingendo a piene mani alle potenzialità degli strumenti basati sull'Intelligenza Artificiale (AI). Le ragioni sono molteplici: da una parte bisogna far fronte all'ingresso nel mercato di nuovi competitor che, sfruttando le proprie competenze digitali, stanno rapidamente guadagnando terreno pur partendo come outsider. Parliamo, come si sarà già capito, degli Over the top, che offrono piattaforme di pagamento contraddistinte da un'esperienza d'uso semplice, intuitiva e che permettono agli utenti di muoversi agilmente all'interno di spazi che coniugano entertainment, informazione e, per l'appunto, shopping. Dall'altra, l'aumentare della complessità della gestione delle transazioni, unita all'esplosione delle minacce informatiche e alla necessità di proteggere i clienti dalle frodi, richiede un modo completamente nuovo di progettare e proporre i servizi finanziari. Le parole d'ordine sono: semplicità, personalizzazione e sicurezza. Ed è proprio grazie all'AI che i player più innovativi sono già riusciti a trovare risposte convincenti per affrontare le sfide di oggi e di domani. In particolare, sono cinque i vantaggi che banche, istituti di credito e operatori finanziari possono ottenere grazie all'adozione di soluzioni di AI: una serie di prerogative che, in opera comune, stanno gradualmente rivoluzionando il settore del Finance.

 

Conoscere preferenze e abitudini dei clienti per offrire prodotti personalizzati

Integrare l’automazione nel business e, nello specifico, nei canali che mettono in relazione azienda e clienti, significa prima di ogni altra cosa conoscere meglio e di più. Le piattaforme sono in grado di assimilare i dati generati da ogni interazione ed elaborarli per identificare ricorrenze ed eccezioni. Analizzando le informazioni relative a entrate e uscite di un conto corrente di un cliente, alle operazioni autorizzate e al tipo di richieste ricevute dal front-desk (a prescindere dal canale scelto: sito Internet, mobile app, sportello fisico), è possibile ricavare non solo un profilo accurato dell'utente, ma anche una serie di use case in grado di soddisfare le sue specifiche esigenze. Affinando il processo, l'azienda può arrivare a costruire e offrire servizi e prodotti personalizzati.

 

Erogare servizi di assistenza sempre più efficaci ed efficienti

Il vero valore di un istituto finanziario si percepisce quando c'è da risolvere un problema. Più veloce e più accurato è l'intervento dei consulenti del customer care, maggiore sarà la soddisfazione e quindi la fidelizzazione del cliente. Purtroppo, però, come insegna l'esperienza, è sempre più difficile (e oneroso) organizzare contact center all'altezza della situazione. L’AI sta ovviando a questa criticità: i chatbot, facilmente installabili sul sito Internet, sulla mobile app e addirittura nel centralino di qualsiasi azienda, sono in grado di comunicare con i clienti utilizzando il linguaggio naturale e di accedere in tempi rapidi a tutte le informazioni tipicamente richieste. Le banche hanno oggi la possibilità di fornire servizi di assistenza ancora più efficaci con costi decisamente più contenuti, in virtù della standardizzazione delle soluzioni.

 

Accelerare e semplificare i processi di risk assessment

L’AI sta ricoprendo un ruolo fondamentale nell'aiutare i decision maker a orientarsi rispetto ai rischi legati a operazioni strategiche, come investimenti e acquisizioni. La mole di dati che una piattaforma di AI riesce a “ingurgitare” ed elaborare è semplicemente imparagonabile con quella che può affrontare anche il più navigato professionista. Certo, la sensibilità personale è e sarà sempre imprescindibile per valutare gli aspetti più “umani” di qualsiasi operazione. Ma la capacità di sintesi e soprattutto la rapidità con cui l'Intelligenza Artificiale riesce a produrre insight sono le migliori frecce al proprio arco quando si affronta un processo di risk assessment.

 

Migliorare l'infrastruttura di cyber security e prevenire le frodi

Lo dicono tutte le statistiche e tutte le previsioni di mercato: le minacce informatiche e i cyber attacchi non faranno che moltiplicarsi nel corso dei prossimi anni, prendendo di mira specialmente gli operatori finanziari. I rischi di frodi ai danni non solo dei consumatori e-commerce, ma anche degli utenti delle mobile app, d'altra parte, continuano ad aumentare vertiginosamente. Un attento monitoraggio del fenomeno e l'adozione di buone pratiche nell'utilizzo degli strumenti di pagamento digitali sono essenziali per circoscrivere i danni, ma non bastano. Saranno le reti e le applicazioni dotate di sistemi di protezione proattivi a ridurre con azioni preventive il numero delle situazioni potenzialmente dannose per le aziende e per i loro clienti.

 

Monitorare e comprendere i processi interni per ottimizzarli

L'AI si sta infine rivelando cruciale per ridurre i costi dei processi interni e aumentare la qualità del lavoro. Come? Attraverso l'individuazione e l'introduzione di nuove metodiche nella gestione dei task e nella produzione di servizi. Messa al servizio di chi progetta l'architettura dell'organigramma, la potenza analitica delle piattaforme AI aiuta infatti a osservare l'organizzazione da una prospettiva diversa. Se ne comprende così l'intimo funzionamento, si mettono a nudo le criticità e si ha di conseguenza margine per ottimizzare la catena del valore alla luce dei dati generati da ciascuna interazione e degli obiettivi di business.

New call-to-action

Iscriviti al Blog