<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=150415092460129&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Visione

Offerta

Scenari

Tecnologie di Frontiera

Ruoli

Tilt

Come usare AI e chatbot per portare clienti nel tuo locale

Come usare AI e chatbot per portare clienti nel tuo locale

Nessuno mette in dubbio la centralità di AI e chatbot nell’ambito del marketing digitale moderno, i cui benefici possono essere apprezzati anche dalle attività locali. Questo spiega il sempre crescente interesse – da parte di piccole aziende e attività commerciali – a quello che si definisce local marketing e che consiste, in buona sostanza, in un insieme di attività digitali che coinvolgono AI e chatbot per portare clienti alla propria attività locale e, di conseguenza, sviluppare business.

Prima considerazione: in quest’ambito, AI e chatbot è una sola espressione, non sono due elementi disgiunti. Il bot, o meglio il chatbot, è l’interfaccia che genera la conversazione, che comprende il significato delle richieste e attinge al proprio patrimonio informativo per fornire risposte adeguate; l’AI, o meglio il Machine Learning, è ciò che permette al chatbot di migliorare progressivamente la propria conoscenza e di raggiungere un livello tale di competenza da fornire risposte e proposte personalizzate. Insieme, possono far svoltare un’attività locale.

Qualsiasi attività, consapevole della bontà del prodotto o del servizio che offre, ha un grande obiettivo: fare in modo che il negozio ‘attiri’ il maggior numero di clienti. Questo vale per un ristorante, per un autolavaggio, per un bar, per qualsiasi attività aperta al pubblico. La forte connotazione locale fa sì che il pubblico potenziale sia quanto meno prevedibile: non per niente uno degli elementi cardine del commercio tradizionale è, e sempre sarà, la location. Oggi, però, con una corretta strategia di marketing locale, che comunque è pur sempre digitale, si può fare in modo che il bacino di clienti aumenti in modo considerevole, andando a ‘attrarre’ persone che naturalmente non sarebbero mai entrate in negozio.

 

AI e chatBot in una strategia di local marketing

L’esistenza stessa di un digital marketing locale dipende dal fatto che ormai le persone, ovvero i potenziali clienti, navigano su web, cercano negozi, locali e soluzioni con lo smartphone, mentre sono in giro. La geolocalizzazione e l’AI di Google fanno sì che le risposte siano non solo allineate con le proprie esigenze, ma anche con la propria posizione: cercando un ristorante si troveranno i migliori, o meglio quelli più adatti ai propri gusti, presenti in zona e da questo deriva tutta una serie di attività (appunto, di marketing locale) che i commercianti pongono in essere per migliorare il proprio posizionamento tra i suggerimenti del motore di ricerca. 

Ci si può domandare, all’interno di questo scenario, come si pongano i chatbot e l’Intelligenza Artificiale, ma soprattutto come gli esercizi commerciali possano impiegarli a proprio vantaggio. Le modalità sono diverse e si possono suddividere in due macro-aree, la cui discriminante è il fatto di rivolgersi a chi non è ancora cliente (lead) o a chi è lo è già. Per attirare nuovi clienti, le attività locali possono dotarsi di bot che risponda ad esigenze specifiche di persone incuriosite dall’attività: pensiamo a un chatbot, magari integrato nel sito ufficiale o nella pagina del social network, che fornisce un servizio di prenotazione rapido ed efficiente, oppure uno che vende direttamente i prodotti invitando il cliente a ritirare in negozio, uno che fornisce informazioni sull’attività e fissa appuntamenti e via dicendo. In tutti questi casi, l’attività online svolta dal bot è un supporto a quella tradizionale, che rimane l’attività core. Inoltre, quando si è fuori casa, lo stesso bot può proattivamente contattare alcune persone (magari i fan della pagina Facebook) offrendo una promozione particolare, oppure suggerire la strada per raggiungere il negozio, fornendo un supporto fondamentale a tutte le altre attività di marketing locale.

Il massimo, però, lo si ottiene sfruttando la combinazione AI e chatbot nei confronti di chi è già stato cliente: in questo caso l’azienda ha già informazioni su cui basarsi e – tramite tecnologie di AI – le può sfruttare per anticipare le esigenze dei propri clienti e proporre loro, tramite il bot, prodotti o servizi personalizzati. È piuttosto evidente che, di fronte alla proposta di un prodotto di cui si ha bisogno o si desidera fortemente, le percentuali di conversione aumentino in modo significativo, rendendo il bot non solo il classico strumento con cui automatizzare l’automatizzabile, ma anche un vero e proprio driver di crescita.

Chatbot Come Funziona

Iscriviti al Blog