<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=150415092460129&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Visione

Offerta

Scenari

Tecnologie di Frontiera

Ruoli

Tilt

L’intelligenza artificiale al servizio del Finance: l’AI abilita il trading ad alta frequenza

L’intelligenza artificiale al servizio del Finance: l’AI abilita il trading ad alta frequenza

C'è forse un ambito applicativo in cui l'Intelligenza artificiale riesce a esprimersi meglio di come fa nel Finance? Allo stato attuale delle cose, la risposta è no. Rapidità, precisione, capacità di sintesi e straordinaria abilità nel predire i probabili sviluppi di trend fanno delle soluzioni di AI (Artificial Intelligence) il complemento perfetto per trasformare il trading in una attività facilmente gestibile e soprattutto in grado di generare valore per tutte le parti in gioco: dagli istituti ai broker, passando per le imprese e gli investitori. Il comparto ha fiutato l'opportunità già in tempi non sospetti. Basti pensare che secondo J.P. Morgan, negli Stati Uniti nel 2010 i sistemi di scambio ad alta frequenza basati su algoritmi supportavano il 70% delle attività di trading. Nel 2014 la percentuale era passata al 75% e nel 2017 solo il 10% del volume delle operazioni era svolto in modo tradizionale. Oggi, con l'introduzione del Machine learning, il trading ad alta frequenza gestito dall'Intelligenza artificiale è letteralmente esploso. Tra i pionieri, si possono nominare le americane Merril Lynch, la già citata J.P. Morgan e Goldman Sachs, oltre alla giapponese Mizuho, le quali a partire proprio dal 2017 hanno iniziato a testare e implementare soluzioni che stanno aiutando i sistemi a diventare sempre più intelligenti e veloci.

Oltre i meri numeri: sentiment analysis e predizioni qualitative

Non si tratta “semplicemente” di macinare enormi quantità di dati relativi a transazioni, fondamentali macro e microeconomici, elementi di contesto. La sfida oggi è andare oltre i Big data strutturati e accedere – il più rapidamente possibile per non dire in tempo reale – a informazioni non strutturate, contenute per esempio nelle conversazioni online, negli articoli di giornale, nelle valutazioni di esperti e opinion leader pubblicate su blog aziendali e portali di analisi di mercato. L'Intelligenza artificiale, è in grado di attingere a tutte queste fonti, leggerle ed estrarne insight utili a perfezionare la propria abilità di predire le possibili – o meglio le probabili – evoluzioni di specifici verticali. È grazie a questa conoscenza in continua espansione, che le piattaforme evolute di trading riescono a indirizzare gli investitori con predizioni quanti-qualitative sempre più accurate. Questo comporta non solo il fatto che gli strumenti a supporto dei processi decisionali siano estremamente precisi, ma che risultino anche estremamente rapidi nel valutare la situazione estemporanea e generare report o alert utili per indirizzare scelte e risorse col giusto tempismo.

Verso la Blockchain e il trading del futuro

Sono passi straordinari quelli che il mondo del Finance sta compiendo grazie all'adozione di applicazioni basate sull'Intelligenza artificiale. I vantaggi sul piano della sicurezza e della user experience sono già tangibili per imprese, professionisti, istituti e semplici consumatori. Ma si tratta soltanto dell'inizio. Il mercato del trading ad alta frequenza esploderà definitivamente, esprimendo tutto il suo reale potenziale, quando, oltre alle piattaforme di AI, i sistemi e i circuiti finanziari integreranno anche soluzioni provenienti dal mondo Blockchain e DLT (Distributed Ledger Technology). Sarà la combinazione di queste due componenti, con l'automazione, la certificazione e la trasparenza fornite dai protocolli DLT e la conoscenza offerta dall'Intelligenza artificiale, a rivoluzionare il modo in cui si pianificano e si gestiscono le transazioni.

New call-to-action

Iscriviti al Blog