<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=150415092460129&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Visione

Offerta

Scenari

Tecnologie di Frontiera

Ruoli

Tilt

Teorema e Danieli, insieme per un modern workplace di successo

Teorema e Danieli, insieme per un modern workplace di successo

Modern workplace non è un concetto astratto. Piuttosto, è un’opportunità che le aziende non possono più permettersi di trascurare. Ogni cambiamento porta con sé resistenze culturali e difficoltà; però, oggi più che mai, rivedere i processi di business sulla base delle possibilità offerte dagli ultimi strumenti tecnologici è una priorità per ogni azienda che vuole rimanere sul mercato negli anni a venire.

Modern workplace: non solo tecnologia

Ma Modern workplace non è un ‘semplice’ aggiornamento dei dispositivi tecnologici che si usano in azienda. O per lo meno, non solo! È una revisione più o meno pervasiva delle prassi e dei processi aziendali, al fine di massimizzarne la produttività e l’efficienza. Dal canto suo, la tecnologia è l’‘abilitatore’ della trasformazione: se è vero che la volontà di cambiare è fondamentale, senza le moderne piattaforme di collaboration e produttività, senza il cloud e le tecnologie di sicurezza, il workplace non sarebbe mai “modern”.

D’altro canto, è vero che non esiste una definizione stringente di modern workplace, semplicemente perché ogni azienda ha le sue dinamiche e i suoi processi: posti alcuni capisaldi come l’impiego del cloud, la massima integrazione dei sistemi e delle divisioni, la possibilità di lavorare fuori sede e di collaborare efficacemente con colleghi e fornitori, ogni azienda ha la sua declinazione di modern workplace. E dovrebbe perseguirla fino in fondo, perché non farlo significa restare in balia delle inefficienze: operative (con processi disgiunti e scarsa visione d’insieme), ma anche di comunicazione tra le persone, dovute a difficoltà di accesso ai dati e a procedure rese farraginose dalle esigenze di massima sicurezza.

Ecco, anche sotto questo profilo si vede quanto siano divenuti ‘modern’ i processi aziendali: solo fino a qualche anno fa essere ‘sicuri’ significava blindare qualsiasi cosa, costasse quel che costasse. La protezione era ed è fondamentale, ma all’epoca rendeva difficile la condivisione delle informazioni, per non parlare delle esperienze di smart working, in alcuni casi del tutto impossibili. Oggi, le piattaforme di collaborazione più recenti e un’integrazione allo stato dell’arte con i sistemi aziendali permette alle persone di dialogare ovunque esse siano, in forma scritta, orale o video, di accedere ai documenti, di condividerli con persone interne ed esterne senza concedere nulla in termini di sicurezza. Se non è “modern” questo, che cosa lo è?

 

Teorema e Danieli, e il workplace diventa “easy”

Un esempio virtuoso di modern workplace è scaturito dalla collaborazione tra Teorema e Danieli, la multinazionale italiana che impiega più di 9.000 dipendenti ed è specializzata nella produzione di impianti siderurgici. Sono proprio aziende di questo calibro a ottenere i maggiori benefici dalla trasformazione digitale, ma non c’è dubbio che ci voglia una sana dose di coraggio e determinazione per intervenire su processi rodati da anni, che coinvolgono 25 divisioni in tutto il mondo e circa 6.500 postazioni.

Il risultato è Easy Workplace, una piattaforma studiata per rendere efficienti, rapidi e sicuri i processi di collaborazione aziendale. Che è collaborazione tra le divisioni, ma soprattutto tra le persone che portano avanti il nome di Danieli in ogni parte del mondo; dalle proprie postazioni aziendali agli smartphone, dalla scrivania di casa al tablet: non è un caso che Easy Workplace sia stato pensato in funzione dell’utente e delle sue esigenze, che poi sono semplicità d’uso, versatilità e immediatezza.

È stata una rivoluzione in piena regola: certo, tutte le postazioni sono state aggiornate da Windows 7 a Windows 10, ma sono state soprattutto le funzionalità di collaboration di Office 365 ad aver fatto la differenza, permettendo quell’immediatezza e libertà di accesso ai dati che fino a ieri erano sconosciute. E la sicurezza? Resta massima, ma senza bloccare o limitare gli accessi autorizzati: non per niente uno dei grandi temi è stato proprio l’eliminazione delle password, sostituite da diverse forme di riconoscimento biometrico. Oggi in Danieli si lavora meglio, si è più efficienti, rapidi e proattivi ma non meno sicuri di ieri. Anche per questo è stata una rivoluzione.

Case_History_Danieli

 

Iscriviti al Blog